Ispessimento pleurico: cos’è e diritti delle vittime

L’ispessimento pleurico è un’infiammazione della pleura causata dall’inalazione di fibre di amianto. Essa può evolvere con il tempo in neoplasia. Per questo motivo le vittime di ispessimento pleurico devono essere sottoposte a sorveglianza sanitaria.

In questa guida scopriamo nel dettaglio cosa sono gli ispessimenti pleurici e quali sono i diritti delle vittime dell’esposizione all’amianto che abbiano contratto questa malattia.

ispessimento pleurico: assistenza legale gratuita

Ispessimenti pleurici: cosa sono?

L’ispessimento pleurico è un’infiammazione della pleura provocata dall’inalazione di fibre di amianto. La pleura è la membrana sierosa che ricopre i polmoni ed è formata da due foglietti: il foglietto pleurico parietale (ispessimento pleurico parietale) e il foglietto pleurico viscerale. Tra i due foglietti c’è del liquido chiamato liquido pleurico. Questo ha la funzione di creare una sorta di intercapedine che permette ai polmoni di dilatarsi durante la respirazione.

In caso di ispessimento della pleura che coinvolge entrambi i polmoni, la malattia è definita ispessimento pleurico bilaterale. Quindi tenendo conto della localizzazione, si distingue tra ispessimenti pleurici biapicali e ispessimento pleurico apicale bilaterale.

Cosa causa l’ispessimento pleurico?

Le fibre di amianto, anche detto asbesto, sono fibre sottilissime di minerale. Esse hanno forma longitudinale e diametro infinitesimale. Si disperdono nell’ambiente ed è facile inalarle. Una volta inalate, attraverso il sistema respiratorio, raggiungono gli alveoli polmonari. Esse possono raggiungere i polmoni non solo per contiguità, ma anche attraverso il sistema linfatico e sanguigno, arrivando alla pleura.

Come conseguenza la pleura si infiamma e si ispessisce (pleura ispessita).

Amianto e ispessimento pleurico

Gli ispessimenti della pleura, spesso sono accompagnati anche dalle placche pleuriche. Sia l’una che l’altra, sono malattie asbesto-correlate, inserite anche nella LISTA I dell’INAIL. Queste malattie amianto costituiscono la prova biologica di una elevata esposizione ai minerali di asbesto. Questi minerali sono cancerogeni e l’insorgenza di malattie neoplastiche in seguito ad esposizione è frequente e dose dipendente.

Per approfondire sulla lesività e pericolosità dell’amianto vi consigliamo di consultare i Quaderni del Ministero della Salute sull’amianto.

Quali sono i sintomi dell’ispessimento pleurico?

I sintomi di un lieve ispessimento pleurico o ispessimento della pleurica sono difficoltà a respirare, astenia e facile affaticabilità. Negli ispessimenti pleura con fibrosi massiva, vi si associa anche una sindrome respiratoria restrittiva con tosse secca e dolore toracico.

Per grave ispessimento pleurico sintomi aggiuntivi sono le atelettasie rotonde, lesioni pleuroparenchimali conseguenti a versamenti pleurici che portano al collasso polmonare.

Evoluzione neoplastica degli ispessimenti della pleura

Le infiammazioni della pleura, come la pleurite bilaterale, almeno nel 7/10% dei casi evolvono in tumori pleurici. Il mesotelioma pleurico è una delle malattie amianto più aggressive. Esso può insorgere anche dopo 40-50 anni dalla prima esposizione. I tempi di latenza delle placche pleuriche e degli ispessimenti pleurici sono invece inferiori (10-15 anni dall’inizio dell’esposizione).

Il mesotelioma pleurico ha spesso esito infausto anche se, attraverso un approccio di cura multimodale, è possibile migliorare le aspettative di vita e la qualità della vita. In alcuni casi, sebbene rari, si ottiene la guarigione della vittima. La diagnosi precoce è essenziale al fine di mettere in atto una terapia efficace.

Per questo motivo i lavoratori esposti ad asbesto affetti da ispessimento pleurico o placche pleuriche devono sottoporsi a controlli periodici (sorveglianza sanitaria) per ottenere la diagnosi precoce di eventuali malattie amianto.

L’esposizione a fibre di asbesto aumenta anche il rischio di carcinoma bronchiale e di tumore al polmone. Quest’ultimo ha tempi di latenza anche di 30 anni, dalla prima esposizione.

Nei documenti del consenso di Helsinki sono stabiliti i criteri per la diagnosi e lo studio delle placche pleuriche di cui i medici devono tenere conto.

Tutela legale e medica

Gli esposti all’amianto che hanno sviluppato un ispessimento pleure vengono sottoposti a un programma terapeutico e alla sorveglianza sanitaria al fine di individuare precocemente eventuali neoplasie. Si fa in modo di evitare future esposizioni e verificare l’evolversi delle lesioni. L’ONA – Osservatorio Nazionale Amianto e l’avv. Ezio Bonanni, suo presidente, forniscono il servizio di assistenza medica e legale gratuita. Le vittime dell’amianto possono infatti ottenere prepensionamento (allo scopo di evitare ulteriori esposizioni) l’indennizzo INAIL e il risarcimento del danno. I dipendenti delle Forze Armate e del Comparto Sicurezza hanno diritto alla causa di servizio e all’equo indennizzo e allo status di vittime del dovere e ai relativi benefici.